natale-di-fiaba-riva

Un Natale di Fiaba per le strade di Riva

by / 0 Commenti / 26 dicembre 2016

Riva del Garda ormai da sessant’anni dedica ai bambini l’appuntamento estivo della Notte di Fiaba, con scenografie e spettacoli per le vie del centro coronati da una serata a suon di fuochi d’artificio.

Quest’anno, per la prima volta, l’evento ha indossato una veste invernale: il “Natale di Fiaba” ha vivacizzato la città durante il fine settimana dell’Immacolata ed io ho partecipato curiosa insieme al mio piccolino. Lungo le vie del centro di Riva del Garda è andata in scena la più classica delle fiabe natalizie: “Il Canto di Natale” dello scrittore inglese Charles Dickens.

canto di natale dickens

A dire la verità temevo che questo fosse un racconto un po’ spaventoso, invece la magia creata dai “Lupus in fabula” ha fatto in modo che tutto filasse liscio, anche quando il fantasma di Jacob Marley si è materializzato scuotendo le catene…ma andiamo per ordine.

Voi la conoscete la storia del “Canto di Natale”?

Il Canto di Natale per le strade di Riva

Per noi la storia inizia nel cortile di fianco alla Chiesa Santa Maria Assunta. Ci sediamo in cerchio attorno al palco, i bambini piccoli davanti ed i grandi dietro.

natale-di-fiabaGli attori ci introducono alla conversione del vecchio e tirchio Ebenezer Scrooge, che a causa del suo animo cattivo verrà visitato da tre spiriti nella notte di Natale. Questi gli daranno la possibilità di ravvedere la sua condotta e salvarsi da una sorte di tristezza e solitudine.

Tra uno scambio di battute ed un ballo ci dirigiamo verso i soffitti affrescati della Chiesa di S.Giuseppe, oggi porta d’accesso alla città. Nella sua splendida cornice è stato ricostruito l’ufficio del nostro protagonista, un uomo d’affari dal cuore duro.canto di natale dickens

E’ qui che facciamo conoscenza con il signor Scrooge, il peggiore dei taccagni, talmente attaccato al denaro da costringere il suo povero impiegato Bob Cratchit a lavorare anche la Vigilia di Natale.

canto di natale dickens

Per lui il Natale non è altro che un’inutile perdita di tempo: risponde male a chi intona cori natalizi, rimprovera il suo buon nipote Fred per averlo invitato a pranzo ed infine discute con le suffragette per avergli chiesto di fare un’opera buona.

Per capire cosa succederà la Notte di Natale ci dirigiamo un po’ scomposti prima, per un breve intermezzo, in Piazza Erbe e poi nelle sale interne di Palazzo Martini.

piazza erbe riva del garda

E’ qui che il Signor Scrooge affronta una notte terribile, turbato da suoni e visioni. Si sentono rumori di catene provenire da lontano, campanelle suonare impazzite seguite dal cigolio di un carro funebre.

Ecco che compare per primo lo spettro del defunto amico e collega Jacob Marley tutto attorcigliato in bende, portamonete e lucchetti di cassaforte. In vita, anche lui come il Signor Scrooge, era rimasto rinchiuso nel proprio egoismo, per questo ora da morto deve scontare la condanna di vagare solo, come un’anima dannata. Marley lo ammonisce di ravvedersi per non fare la stessa fine e gli annuncia la visita di tre spiriti.

scrooge e marley

Gli spiriti arrivano puntuali, vestiti con fantasia e carichi di battute che fanno sorridere i bambini.

Ormai siamo tutti completamente immersi nella fiaba.

Il “Natale passato” si rivela nelle vesti di un Ebenezer Scrooge bambino, ricordandogli la bellezza del Natale attraverso gli episodi più teneri della sua infanzia ed i ricordi della (simpatica) fidanzata Belle.

L’arrivo del secondo spirito, il “Natale presente”, gli fa ricordare la sua responsabilità nei confronti del triste destino di Bob, il suo collaboratore. Costretto a lavorare per pochi spiccioli rischia di perdere la possibilità di farsi una famiglia e di rimanere solo [diverso dalla trama originale del Canto di Natale-n.d.r].

natale-di-fiaba

natale-di-fiaba-rivaDopo i vari tormenti del presente arriva lo spirito del “Natale futuro” a terrorizzare completamente il signor Scrooge assumendo una veste incredibilmente triste e spaventosa…Scrooge non ce la fa più: questa volta ha dovuto fare i conti con la sua coscienza anziché con il denaro ed è molto provato. Tutto sconvolto cerca invano di riprendere sonno.

natale-di-fiaba

Il giorno seguente Scrooge si alza di buon umore e stupisce tutti spalancando le finestre per augurare a gran voce: Buon Natale!

Anche noi ci avviamo verso casa sussurrando la canzoncina finale dello spettacolo: “Stringi forte chi è vicino e regalagli un sorriso, provaci anche tuuuuu e il Natale sarà bello di più! Buoooon Nataaaale!”

Vuoi vedere il video? Clicca qui: Canto di Natale – Instagram

I luoghi della fiaba

Questo “Natale di Fiaba” ambientato nel centro di Riva del Garda ci ha permesso di osservare da vicino alcuni dei luoghi più belli della città:

La Chiesa Santa Maria Assunta

La Chiesa principale di Riva del Garda, di epoca barocca, custodisce nove altari, una Madonna lignea del 1488 e diverse tele del pittore rivano Giuseppe Craffonara. Nella piazzetta dove abbiamo assistito all’inizio del racconto è posto un busto a ricordo dell’artista.

La Chiesa di San Giuseppe

Risale al XIII secolo ed oggi è sconsacrata per il fatto di essere divenuta nel 1914 una delle vie di accesso dalla città vecchia a quella nuova. Infatti la vediamo completamente aperta, come le vicine porte, San Marco e San Michele. Ci si accorge che è una chiesa per via degli affreschi sul soffitto e le colonne di marmo tipiche degli edifici sacri.

Piazza delle Erbe

Senza dubbio la piazza più elegante di Riva del Garda. E’ stata progettata da Enrico Odorizzi nel primo dopoguerra per ospitare il mercato. Oggi sulla piazza si affacciano negozi e ristoranti, tutti attorno alla bella fontana zampillante.

Palazzo Martini

E’ in una delle sue stanze che si è svolta la maggior parte della storia. Si tratta di una dimora aristocratica posta lungo il corso che da Piazza delle Erbe porta a Piazza 3 Novembre, sede del Municipio.

natale-di-fiaba

Anche questo è un modo diverso per far vivere una città, non credete?

Se volete regalarvi un week end divertente con i vostri bambini vi consiglio di dare un’occhiata anche alla Casa di Babbo Natale di Riva, il Mercatino di Arco e da quest’anno anche al Villaggio del Gusto, con piatti pensati apposta per i più piccoli.

Altre idee per trascorrere una vacanza natalizia sul Garda Trentino le trovate in questo post e sul sito ufficiale www.gardatrentino.it

Buone Feste a tutti voi!

Lascia il tuo commento

Email (will not be published)