grotte di catullo sirmione

Le Grotte di Catullo

by / 0 Commenti / 7 ottobre 2016

Le Grotte di Catullo, uno dei siti archeologici più importanti di tutta l’Italia settentrionale, si trovano sulla punta della penisola di Sirmione. L’antica villa romana, perfettamente conservata, è circondata da un bellissimo parco mediterraneo che vi consiglio di visitare anche se non siete amanti della storia: solo da qui riuscirete a vedere il panorama sul Lago di Garda in tutta la sua ampiezza.

grotte di catullo scavi archeologiciDel resto sappiamo che gli antichi romani avevano buon gusto nel cercare le location dove abitare…lascio a voi giudicare, ma a parer mio anche in questo caso avevano fatto centro.

Come mai si chiamano Grotte di Catullo?

Sembra che il nome “Grotte” sia stato attribuito durante il Medioevo, perchè alcune parti della villa crollate creavano delle cavità naturali ricoperte da vegetazione, simili a delle grotte.

grotte di catullo terme

Il fatto che la villa romana porti il nome del celebre poeta latino invece lo si deve ad alcuni versi dove Catullo decanta la bellezza di Sirmione. Il famoso carme del Ritorno a Sirmione lo troviamo inciso su una pietra, nei pressi delle Grotte. Eccolo qui:

carme di catullo a sirmione

Pare che la famiglia del poeta possedesse una villa proprio a Sirmione, ma non è mai stato accertato che si trattasse proprio di quella che stiamo visitando oggi.

Due passi tra terme e parco

Per arrivare alle Grotte di Catullo si attraversano i bei vicoli del centro di Sirmione, fino a giungere nei pressi delle famose Terme. Oltrepassato il Centro Aquaria e le Terme di Catullo si prosegue nell’oliveto fino all’entrata delle Grotte, proprio sulla cima del promontorio. In alternativa si può arrivare alle Grotte a bordo del trenino che parte dal centro termale.

Il percorso nell’area archeologica si snoda all’aperto, in un parco naturale popolato da 1500 ulivi centenari e piccola macchia mediterranea profumata: noi siamo arrivati a Sirmione in un giorno di primavera, durante un tour di 4 giorni sul Lago di Garda, nel momento del risveglio della natura.

grotte di catullo terme

spiaggia sirmioneLe ginestre erano in fiore, nei prati sbocciavano margherite e tarassachi, la piacevole brezza di aprile soffiava leggera. Con un clima così le Grotte di Catullo non potevano che lasciarci un buon ricordo. Ma continuiamo nella nostra visita per scoprire quanto si trattassero bene gli antichi romani…

La villa romana di Catullo

L’intero sito archeologico si estende su un’area molto ampia, oltre 2 ettari. All’inizio si scorgono subito i piani inferiori, fatti di loggiati e colonne che danno direttamente sul lago. In questa zona i proprietari della villa potevano passeggiare anche nelle giornate di pioggia o ripararsi dal sole cocente d’estate. La parte superiore della villa, purtroppo la meno conservata, era quella destinata alla vita quotidiana, con un settore termale dedicato. Insomma come se noi avessimo le terme con piscina direttamente in casa!

villa di catullo sirmione
Abbandonato il sentiero, attraverso rampe e scale scendiamo ai piani inferiori, verso gli ambienti di servizio, che davano accesso alla spiaggia sulla punta della penisola (oggi non è più così).

Spostandoci verso est torniamo nel parco per riposarci all’ombra di un olivo e goderci finalmente la vista completa da questo angolo di paradiso. Ci fermiamo volentieri sul belvedere, buttiamo l’occhio oltre il recinto e scorgiamo le acque limpidissime e basse delle spiagge di Sirmione. Un paesaggio romantico!

belvedere grotte di catullo

Il Museo Archeologico di Sirmione

E’ arrivato il momento di fare un salto al piccolo Museo Archeologico di Sirmione, all’interno delle Grotte, per conoscere meglio la storia della villa di Catullo e di alcuni siti del basso Garda.

museo archeologico catulloIl museo espone reperti ritrovati nella villa, alcuni dei suoi affreschi restaurati ed oggetti recuperati nelle palafitte sommerse lungo le coste della penisola ed in alcune chiese di Sirmione.

museo di sirmione reperti

Usciti da qui ci rendiamo conto che quello che rimane oggi è solo l’ombra dello sfarzo della residenza che fu. Possiamo immaginare che cosa doveva essere possedere una casa con colonne e loggiati, completamente affrescata con vista su uno dei panorami più ampi del lago?

Informazioni utili per visitare le Grotte di Catullo:

  •  Durata: per visitare le Grotte prendetevi circa 1 oretta, un po’ di più se volete approfittare dei bei prati vista lago per riposarvi o prendere il sole;
  • Abbigliamento: scarpe comode, possibilmente antiscivolo;
  • Bambini: noi abbiamo visitato l’area archeologica a piedi e “parcheggiato” il passeggino nei pressi del museo. I sentieri sono sdrucciolevoli, non  adatti alle piccole ruote del passeggino da viaggio che avevamo con noi;
  • lungo il percorso e nel museo molti cartelli espositivi spiegano la storia del sito archeologico nel dettaglio.

Grotte di Catullo: prezzi e orari

Attenzione agli orari di apertura e chiusura: ho sperimentato personalmente che il sito web non è sempre aggiornato, mentre è più affidabile la pagina Facebook. Infatti durante un giro invernale a Sirmione le ho trovate chiuse di domenica (!). La volta seguente per essere sicura ho telefonato (Tel. 030 916157).

Gli orari di massima sono i seguenti:

PERIODO INVERNALE (a partire dalla fine di ottobre)
Giorni feriali: 8.30-17.00 (area archeologica); 8.30-19.30 (Museo)
Domenica e festivi: 8.30-14.00

PERIODO ESTIVO
Giorni feriali: 8.30-19.30
Domenica e festivi: 9.30-18.30

Prezzi e biglietti

I biglietti possono essere acquistati solo in contanti. Non è disponibile il servizio di prevendita biglietti.

– € 6,00: biglietto intero
– € 3,00: biglietto ridotto (per cittadini dell’Unione Europea fra i 18 e i 25 anni, esibendo un valido documento di identità)
– ingresso gratuito: fino a 18 anni non compiuti e ogni prima domenica del mese

villa romana sirmione

Che cosa ne pensi delle Grotte di Catullo? Io credo che siano uno dei luoghi da non perdere se vieni in vacanza sul Lago di Garda. Vuoi qualche idea in più? Prova a leggere 10 cose da fare e vedere sul Lago di Garda.

Lascia il tuo commento

Email (will not be published)