Vino santo

E’ Pasqua! In Trentino il Vino si fa Santo

by / 2 Commenti / 12 marzo 2016

La Pasqua si avvicina. Ѐ il momento di parlare di Vino Santo! Ti chiederai il perché…

Presto detto: durante la Settimana Santa si svolge il Rito della Spremitura delle uve appassite di Nosiola che danno origine al pregiato Vino Santo Trentino. Oltre a questo sono in programma una serie di eventi tra Trento e la Valle dei Laghi dedicati a conoscere il delizioso Nosiola e le sue varianti. Un’ottima occasione per avvicinarsi ad una delle eccellenze del territorio trentino, il Vino Santo, appunto.

Partiamo dall’inizio conoscendo il pregiato Vino.

Che cos’è il Vino Santo Trentino?

Un vino molto dolce e liquoroso, presidio Slow Food, fatto con l’uva Nosiola. La localizzazione geografica è molto precisa: hanno il permesso di produrlo solo poche aziende agricole selezionate nei comuni di Vezzano, Padergnone, Calavino, Lasino e Cavedine nella Valle dei Laghi, a due passi dal Lago di Toblino.

toblino

Da produrre con “la pazienza di un santo”

Viene prodotto esclusivamente con uve di Nosiola, un vitigno autoctono della Valle dei Laghi, il più noto e affascinante dei quali è il Lago di Toblino. La vendemmia viene fatta esclusivamente a mano, ad ottobre, con una scelta meticolosa dei grappoli con pochi acini, che devono essere distanti tra loro e integri, per non ammuffire durante l’appassimento. Questa delicata fase avviene su delle apposite graticole metalliche, dette “arele”, fino a Pasqua. Si passa in torchiatura durante la Settimana Santa, da cui il Vino Santo prende il nome. Qualcuno dice che sia perché per ottenerlo “ci vuole la pazienza di un santo!”. Infatti non è finita qui. Deve trascorrere almeno tre anni d’invecchiamento in botti di rovere. Ecco perché è un vino così prezioso e raro. Alla Cantina Pisoni di Pergolese conservano alcune delle annate migliori.

Appassimento Vino Santo

L’uva Nosiola appassisce sulle “arele”

La tradizione del Vino Santo

Il Vino Santo Trentino è poco conosciuto, molti pensano che sia un vino tipico delle colline toscane, ma non è così. La sua tradizione locale è antica. Nella Valle dei Laghi se ne parla già durante il periodo del Concilio di Trento e successivamente nell’Ottocento con i Conti di Wolkenstein. Pare che inizialmente i contadini ne facessero solamente poche bottiglie da consumare in occasioni particolari o da offrire a qualche ospite importante.

Consigli e abbinamenti

Il Vino Santo è caratterizzato da un colore ambrato intenso e forte carica zuccherina. Gli esperti lo abbinano con formaggi erborinati, tipo Gorgonzola ed i palati più raffinati con il foie gras. Io lo preferisco a fine pasto, accompagnato ad un dolce tipico trentino, come lo zelten o la torta di fregoloti. Sicuramente è un vino molto particolare che vale la pena assaggiare da solo, non per niente viene definito il “vino da meditazione” per eccellenza.

Bavarese al Vino santo

Bavarese al Vino santo

Il Rito della Spremitura

Ogni anno si svolge il Rito della Spremitura delle Uve appassite di Nosiola, alla presenza di una folla di curiosi ed appassionati di Vino Santo. Il Gran Maestro della Confraternita della Vite e del Vino di Trento, con la regia dell’Associazione Vignaioli del Vino Santo Trentino D.O.C. da il via alla spremitura del prezioso nettare con un torchio manuale.

Come può concludersi un evento enologico? Naturalmente con un brindisi e l’assaggio di prodotti tipici, in abbinamento a delizie locali.

Non sai che fare per Pasqua? DiVinNosiola ti aspetta

Se ami il buon vino non perderti la rassegna enogastronomica DiVinNosiola. Dal 20 marzo 2016 al 25 aprile 2016 nel distretto della Valle dei Laghi e a Trento si terranno una serie di eventi dedicati alla cultura di questa uva tipica, da cui derivano prodotti di eccellenza della nostra terra come vini, vino santo e grappa.

Vite

Germogli di vite

Da non perdere:

27- 28 marzo: Spettacoli del weekend di Pasqua

Questo weekend, nei giorni di Pasqua e Pasquetta, si svolgerà l’appuntamento di punta della della manifestazione: una serie di spettacoli teatrali, itineranti e radioguidati all’interno delle sale della Centrale idroelettrica di S. Massenza – progetto Hydrotour. Gli spettacoli sono a cura della Compagnia teatrale Koinè, molto conosciuta anche per altri eventi teatrali di successo della Valle dei Laghi.

20 marzo: Trekking DiVinNosiola

20 marzo: Rito della spremitura delle uve appassite di Nosiola

24 aprile: DiVinNosiola TrailRunning

dal 31 marzo al 16 aprile “DiVinNosiola 2016” a Palazzo Roccabruna

Tutti i giovedì, venerdì, sabato – dalle 17.00 alle 22.00: Degustazioni dei vini Nosiola in mostra, del Trentino D.O.C. Vino Santo e della collezione di vini trentini dell’Enoteca. In abbinamento taglieri di formaggi e salumi trentini

Per informazioni:

info@discovervalledeilaghi.it

www.discovervalledeilaghi.it

2 Comment

  1. Complimenti Ilenia, bellissimo articolo, scritto bene e bello da leggere, in quello che scrivi, si sente l’amore per il TuoGarda!
    un abbraccio
    Ilary

    • Grazie mille Ilary. Ricambio i complimenti, anche tiamotrentino trasmette l’amore per la nostra bellissima regione!

      Ilenia

Lascia il tuo commento

Email (will not be published)