Bastione riva

Quattro passi sul Bastione di Riva del Garda

by / 0 Commenti / 27 agosto 2015

Ecco che finalmente arrivi a Riva del Garda (scusa il gioco di parole) e guardandoti in giro t’imbatti in quella strana macchia bianca in mezzo al bosco, che domina il paese dall’alto della collina.

Forse non lo conosci o non te lo sei mai chiesto, ma quello è il Bastione di Riva del Garda, la vedetta sulla città.

Bastione riva

Una fortezza più che un castello, come scopriremo più avanti nel post, grazie al prezioso contributo di Elvio Pederzolli, storico e fotografo, che ringrazio per gli approfondimenti scritti fino adesso, sempre ricchi di belle immagini.

Io ti darò qualche dritta su come raggiungerlo e su cosa fare una volta arrivato.

Come raggiungere il Bastione dal centro di Riva

Si tratta davvero di una passeggiata tra le più semplici che tu possa fare.

Certo, è in salita, ma si tratta di non più di 15-20 minuti a passo spedito.

Bastione

Puoi parcheggiare in una delle tante zone di sosta a Riva del Garda o optare per il parcheggio (a pagamento) in Via Monte Oro. A metà di questa via, sulla strada in direzione Limone troverai l’inizio del sentiero che ti porta sul Bastione (altitudine 200 metri).

Dato che il sentiero è lastricato puoi percorrerlo tranquillamente anche con il passeggino. Noi abbiamo un modello con le ruote grandi, il che rende tutto più facile. Oppure puoi usare lo zaino da trekking, sempre un’ottima opzione.

La strada è ripida, ma ben ombreggiata dal bosco e fornita di panchine per la sosta.

vista dal Bastione

Una volta arrivato scatta tante foto dalla terrazza o dai pertugi dei cannoni e goditi il panorama su Riva e sul lago.

Il Bastione è stato recentemente restaurato, quindi i resti sono in ottime condizioni e comodi da visitare.

D’estate trovi aperto anche un bar-ristorante.

vista su riva dal bastione

Poi, se ti sei attrezzato con acqua e scarpe da trekking prendi il sentiero 404 fino a Santa Barbara, la piccola cappella in alto. Si trova ad un’altezza di 600 m, circa un’ora di cammino.

Un tempo non serviva fare tanta fatica per arrivare quassù, c’era una seggiovia! Chissà che non venga ripristinata.

Questo ed altro ancora continua a raccontarcelo Elvio…

 

Pillole di storia sul Bastione di Elvio Pederzolli

Il Bastione di Riva del Garda: lo si vede, praticamente, da tutto l’intorno. Perchè era compito del Bastione controllare tutto il territorio circostante.

Biancheggia sopra Riva, anche di notte, illuminato come la stradina che lo collega alla città sottostante, percorribile tutto l’anno in pochi minuti di passeggiata tra bosco e panorama.Bastione ieri

Su questo dosso, detto dei Germandri, è sempre esistita una vedetta. Ma ciò che c’è stato prima viene distrutto dai Veneziani che, divenuti padroni della zona, al posto di una piccola fortificazione medievale realizzano il rotondo e massiccio Bastione, terminato nel 1508 e in grado di resistere alle sempre più potenti armi da fuoco.

interno del Bastione

Ma pochi mesi dopo la sua ultimazione, passa nelle mani delle truppe vescovili (lo stemma del vescovo è ancora ben visibile sulla facciata). Nel 1703, come tanti castelli della zona (ad esempio Arco), viene fatto saltare in aria dai militari francesi del generale Vendome. Si prende inoltre qualche cannonata durante la Prima Guerra Mondiale.

Bellissimo luogo di incontri e ottimo belvedere su tutto l’Alto Garda, il Bastione offre nella bella stagione anche il ristoro di un locale pubblico. Sino a pochi anni fa era raggiungibile da Riva mediante una seggiovia.

seggiovia Bastione

I suoi spazi interni, recentemente ripuliti e resi visitabili, mostrano al piano inferiore la cisterna ed i magazzini, mentre i piani superiori, aperti verso cielo e panorama, si svolgeva la vita della guarnigione e tutto l’intorno era tenuto sotto tiro da feritoie e cannoniere oltre le quali lo sguardo si perde nell’Alto Garda.

vista dal bastione

Tu sei mai stato sul Bastione? Hai trovato qualche informazione interessante?

Scrivi il tuo commento qui sotto, sarà molto apprezzato!

Lascia il tuo commento

Email (will not be published)