Colline Moreniche del Garda

Un week end tra le verdi Colline Moreniche del Garda

by / 0 Commenti / 7 maggio 2015

Le Colline moreniche del Garda sono un piacevole susseguirsi di dolci colline che si estendono dalle sponde del Benaco ad alcuni comuni dell’entroterra mantovano, tra cui Castiglione delle Stiviere, Mozambano e Solferino. Un paesaggio totalmente differente rispetto a quello da fiordo norvegese a cui sono abituata nel Garda Trentino, fatto di rocce e alte montagne che si tuffano nell’acqua.

Adesso non scrivermi che sono campanilista! Ho volutamente sottolineato la grande differenza tra i panorami di cui può godere un turista, semplicemente spostandosi di pochi chilometri. Il Lago di Garda, continuo a ripeterlo, è meraviglioso tutto, da Nord a Sud.

Come si sono formate le Colline Moreniche?

Adesso ci arriviamo. Come si intuisce dal nome, l’origine delle colline è morenica, cioè si sono create all’epoca della glaciazioni per l’accumulo grandi quantità di detriti lasciate dai ghiacciai, che nel corso del tempo hanno potuto assestarsi e ricoprirsi di una rigogliosa flora.

Le Colline Moreniche del Garda

Le Colline Moreniche del Garda

L’area è molto interessante sia dal punto di vista naturalistico che storico, infatti è stata costituita l’area protetta del Parco Regionale del fiume Mincio, ricca anche di riferimenti culturali come Solferino della Battaglia e Castellaro Lagusello, uno dei Borghi più belli d’Italia.

A Castiglione delle Stiviere poi, in epoca napoleonica, è nata la Croce Rossa, come la conosciamo oggi. Andiamo alla prima tappa del nostro viaggio.

Castellaro Lagusello: uno dei Borghi più belli d’Italia

Già che il paesino possa fregiarsi del titolo dei Borghi più belli d’Italia può farti pensare che valga davvero la pena farci un salto. Anche solo per fare due passi e immaginare di essere nell’Ottocento, su strade acciottolate e calessi trainati da cavalli.

Castellaro Lagusello - La torre

Castellaro Lagusello – La torre

Pensa che qui puoi fare il corso e conseguire la patente per guidare il calesse…se mai dovessi rimanere senza quella della macchina! A parte gli scherzi Castellaro Lagusello è davvero suggestivo, non per niente è stato il set di molti film famosi.

Castellaro Lagusello - Scorci tipici

Castellaro Lagusello – Scorci tipici

Ma qual’è il pezzo forte? Sicuramente Villa Arrighi con il camminamento di ronda ed il suo laghetto a forma di cuore. Andiamo a scoprirla insieme al Conte Arrighi che l’ha mostrata a noi blogger #Gardagreen.

Villa Arrighi: un piccolo castello circondato da un cuore

Nell’Ottocento dei ricchi commercianti acquistano un terreno paludoso, sul quale sorgevano dei ruderi. Il terreno viene bonificato e quello che rimaneva di un antico castello viene ricostruito secondo i dettami del gusto del tempo, con le sembianze di una villa veneta.

Villa Arrighi - Particolare

Villa Arrighi – Particolare

A testimoniare l’elevato status sociale del proprietario (come per Villa Angerer ad Arco) il giardino viene popolato di piante esotiche come bossi, magnolie e cedri. Le torrette di vedetta si trasformano in “luoghi di delizia”, dove godere della lieve brezza del laghetto e dedicarsi a chiacchierate e passatempi nobiliari.

Castellaro Lagusello ed il suo romantico laghetto

Castellaro Lagusello ed il suo romantico laghetto

Durante la battaglia di Solferino la Villa è stata anche dimora di un generale francese che l’ha utilizzata come punto di vedetta sul campo. Al suo interno puoi vedere antichi pezzi di arredamento, le prime mappe delle risaie e scoprire l’origine del tamburello, sport nato proprio in questo piccolo borgo e praticato da tutti i suoi abitanti. Ci dicono che qui il calcio è proibito (!).

Villa Arrighi - Interni

Villa Arrighi – Interni

Infatti nel secondo giorno del tour ci siamo dati ad un altro sport: la mountainbike.

Nel Parco naturale del Mincio in mountainbike

Come ti dicevo la zona è di notevole interesse naturalistico, solcata da colline molto basse, coltivate a fieno e vigneti di Turbiana, l’uva da cui si ricava un vino delizioso, il Lugana. Per noi mountainbiker non professionisti il tour è cominciato dal borgo di Castellaro Lagusello, insieme al Team Ubi Major, che ci ha guidati attraverso lievi dislivelli e salite in mezzo al verde della campagna, accarezzati dai primi raggi di sole e dal risveglio della primavera. Se ti serve noleggiare una bici o organizzare un tour puoi rivolgerti a loro.

Il Parco del Mincio in mountainbike

Il Parco del Mincio in mountainbike

Un itinerario semplice, di circa un’ora, attraverso strade in parte sterrate in parte battute, che puoi fare in gruppo o in famiglia. Nel nostro caso ha avuto un finale molto piacevole: visita e degustazione all’ottima Cantina La Perla del Garda. Ma manca un passaggio…se è un week end vuol dire che avrò dormito da qualche parte. E’ il momento di conoscere uno degli hotel più strani che abbia mai visto: il Dunant Hotel di Castiglione delle Stiviere.

Il Dunant Hotel: tra design e Croce Rossa

Dunant Hotel

Dunant Hotel – Hall

Da addetta del settore posso testimoniare che mai scelta fu più azzeccata: come stupire un gruppo di blogger abituati a dormire a tutte le latitudini? Sicuramente sguinzagliandoli tra i corridoi dell’eclettico Dunant Hotel di Castiglione delle Stiviere, nel mezzo delle colline moreniche. In questo hotel si respira tutta la drammaticità del genio Jean Henri Dunant, fondatore della Croce Rossa, l’organizzazione di volontariato ideata a Castiglione che promuove i valori della pace e dell’unità tra i popoli.

Dunant Hotel - Citazione

Dunant Hotel – Citazione

L’hotel ha lo scopo di emozionare l’ospite…beh, devo dire che solamente a partire dai nomi delle camere ci sono riusciti in pieno. Vuoi sapere come si chiamava la mia? Teatro di desolazione. Quando ho letto il nome accanto alla porta sono stata percorsa da un brivido lungo la schiena. Ma me ne sono fatta una ragione.

Anche perchè nonostante il nome mi sono trovata davanti a una stanza moderna, pulita e luminosa.

Dunant Hotel - Benvenuti viaggiatori

Dunant Hotel – Benvenuti viaggiatori

Un hotel dal concept unico, lo definiscono anche un hotel-museo. Ogni stanza è differente e porta con se una frase di riflessione. Le puoi visionare tutte sul sito. L’arredamento poi è una vera chicca per gli amanti del design. Sicuramente da provare se passate da queste parti.

Dunant Hotel - Salottino

Dunant Hotel – Salottino

Il mio week end tra le Colline Moreniche del Garda si conclude qui. Spero possa essere d’ispirazione per la tua prossima vacanza. Se ci sei già stato ed hai qualche suggerimento lasciamelo nei commenti. Per la puntata gastronomica ti aspetto più avanti.

Continua a seguirmi sul blog e scoprirai la migliore gastronomia delle colline moreniche e tutti i suoi prodotti tipici.

Lascia il tuo commento

Email (will not be published)