MyAktivGarda - Valle di Santa Lucia

La Valle di Santa Lucia a Torbole

by / 0 Commenti / 16 marzo 2015

Una valletta sul Lago di Garda immersa nel verde degli ulivi con un paio di scorci molto panoramici sul paese di Torbole. Una breve passeggiata adatta a tutti che sa raccontare un pezzo di storia del Garda Trentino. Andiamo a scoprire perché.

Da dove si prende il sentiero?

La strada lastricata che attraversa la Valle di Santa Lucia si prende partendo dal centro di Torbole. Prendi la direzione Busatte verso l’Aktivhotel Santalucia, dove inizia il sentiero che giunge a Nago.

Valle di Santa Lucia - Panorama

Valle di Santa Lucia – Panorama

E’ adatto a tutti?

Si tratta di un semplicissimo itinerario di trekking o mountain bike adatto a sportivi e non. Potresti anche proporla come piacevole passeggiata della domenica pomeriggio in famiglia, non ci sono dislivelli o tratti particolarmente ripidi. Ci si impiega circa un’ora, tra chiacchiere e fotografie, prendendosela molto con calma come abbiamo fatto noi durante l’evento MyAktivGarda. Che scarpe mettere? Una normalissima scarpa da ginnastica, niente di più e niente di meno. Certo…non le infradito!

MyAktivGarda Bloggers

MyAktivGarda Bloggers

Qualche cenno storico

Ripercorriamo un’antica strada romana che al tempo costituiva l’unica via di comunicazione tra il Lago di Garda e la Valle dell’Adige, quindi un’importante arteria di collegamento per merci e persone. Visto che per le genti del passato è stato un percorso così prezioso e ricco di storia hanno pensato bene di spiegarla in un cartello. Io la riporto qui per te:

“Luogo selvaggio ricco di bellezze naturali, percorso da una antica strada romana: l’unica che in passato metteva in comunicazione la Valle dell’Adige, il Lago di Garda e la Pianura Padana. Qui si trovano i segni e le tracce del lavoro antichissimo dell’uomo, che vi ha esercitato l’arte del terrazzamento e del muro a secco. Gli olivi rappresentano uno dei più vetusti e venerabili insediamenti dell’area gardesana.

L'olivaia di Torbole

L’olivaia di Torbole

Sotto di essi passò più volte San Vigilio (IV secolo), vescovo di Trento nei suoi viaggi pastorali lungo la sponda orientale del Garda. Nei secoli passati scesero per questa via imperatori, re e condottieri con i loro eserciti diretti alla conquista delle verdi e fertili pianure italiane. Per contrastare il dominio dei Visconti sul Lago di Garda, nel 1439 lungo questa valle scoscesa i Veneziani fecero trasportare fino a Torbole, evento unico nella storia, un’intera flotta di galee, giunta a Mori attraverso il fiume Adige. Alte sulla rupe di intravedono le rovine di Castel Penede di età feudale.”

La strada verso Torbole

Vista sul Lago

Vista sul Lago

Incontriamo un bel punto panoramico…qualche bella foto e poi avanti verso Nago. Non entriamo nel centro abitato, ma continuiamo sulla strada di campagna che ci conduce ad un capitello. Lì la valle si apre su un bellissimo paesaggio argentato. Il panorama, seppur invernale, emana il suo fascino. Immagina come può essere in estate con il verde delle viti ed un bel cielo azzurro…che voglia di primavera!

Inizia la discesa nell’uliveto che si congiunge alla strada delle Busatte. Torbole, con le sue casette colorate è lì che ci aspetta.

Torbole - Panorama

Torbole – Panorama

Questa è stata la prima attività del blog tour. Ma solo un piccolo assaggio…nei giorni seguenti tante escursioni: mountainbike, via ferrata, barca a vela. Avanti tutta!

Lascia il tuo commento

Email (will not be published)